Famiglia Fantasma

UN PRESEPE GAY. MA GAY VERAMENTE. PEPPE+PEPPE=GESU’ BAMBINO

Posted on: dicembre 10, 2008

Questo è il mio presepe... la mia famiglia è sacra. E se Gesù Bambino nascesse veramente, sceglierebbe di gran lunga la mia famiglia a quella di Casini, Fini, Berlusconi, Veltroni...

Il Natale si avvicina. E io ho fatto il mio presepe con due San Giuseppi.

Premessa fondamentale: sono ateo, orgogliosamente ateo. Non dimentico certo che un tempo ero credente, sinceramente credente. Per me ha senso ricordare quello che il presepe significava per me, perché fa parte della mia storia e della mia identità (almeno in prospettiva evolutiva).

Questo presepe non è nostalgia, e assolutamente non è voglia di provocare: forse è solo voglia di ridare al mio passato un po’ di coerenza e senso di giustizia.

Fatto sta, sin da bambino ho fatto il presepe a casa, in mille modi, con mille sceneggiature e coreografie. E sempre c’era la “sacra famiglia” che ora è totalmente inadeguata alla mia casa e alla mia famiglia. Se il presepe è una rappresentazione – possibilmente “teatrale” e simbolica – di Gesù che nasce tra gli uomini, io rappresento questa nascita come si addice alla mia vita e alla mia famiglia. E non come si addice alla vita della maggioranza delle persone.

Se fosse vero quello che dice il catechismo, tra un mese Gesù nascerà tra me e Riccardo, che al Papa piaccia o no.
E allora, per celebrare questo evento miracoloso, qualche anno fa, ho deciso di acquistare al supermercato, due statuine di San Giuseppe, lasciando una madonna in eccesso, per qualche  eventuale lesbica ispirata quanto me.
Perché così, se Gesù verrà, riconoscerà più facilmente me e la mia famiglia.

Questo è il vero Natale per un omosessuale credente. Questo un vero presepe gay. Non come quello che i radicali hanno inscenato lo scorso anno: come si fa a dire che un presepe è gay solo perché ci sono dei pupazzetti che inneggiano ai PACS (ma chi li vuole questi PACS! Noi vogliamo il matrimonio).
Il vero presepe gay è quello in cui i protagonisti sono gay, e Gesù si fa accogliere da loro.
Questo, d’altronde, non è provocazione, ma il senso di una religione che educa al rispetto e all’amore.

E allora: regalatevi un presepe gay, e regalatelo ai vostri cari. Compratevi due Giuseppi, o, se siete donne, due Marie.

Regalatelo anche alle associazioni insieme alle quali combattete: Arcigay e tutte le sedi provinciali, Mario Mieli, DiGay Project: tutti dovrebbero avere un vero presepe gay e un vero presepe lesbico.
Mettiamolo in bella mostra, facciamolo vedere al nostro pubblico. Perché non abbiamo niente da nascondere, nemmeno davanti a Dio, tantomeno davanti a Gesù Bambino.

E se intanto volete mettere questo presepe nel vostro blog… copiate l’immagine.

AMEN

Annunci

20 Risposte to "UN PRESEPE GAY. MA GAY VERAMENTE. PEPPE+PEPPE=GESU’ BAMBINO"

Cerchioamo di non prenderci in giro da soli, per favore…te lo dico da sodstenitore convinto del matrimonio gay. Il caso di Maria è il primo caso di fecondazione assistita, e con due giuseppi, entrambi vecchiotti, tra l’altro, non avrebbe funzionato. Con due Marie magari sì…metti una coppia di pastori e una coppia di pastorelle, per dire che Gesù accoglie tutti nel Suo Amore. Ma, per favore, niente assurdità. Se ti ho offeso scusami: ma abbi paziernza, due Giuseppi fa ridere.

…A FROCIOOOO, sicuramente anche tuo padre era culattone!

Condivido

Scommettiamo che anche le paperelle del laghetto non ce le hao messe… si trovano nella tua vasca da bagno vero?

Mi sembra un’idea molto carina, degna di un animo gentile. Dopo di che, a me il presepe non piace, e fin da bambino ricordo come una grossa scocciatura l’obbligo di farlo.
Ora che sono grande, in casa mia ho solo un alberello di natale: un simbolo vivo della forza della natura, dunque, non un gruppo di pupazzetti, che a me sembrano piccoli idoli di plastica del cattopaganesimo.
Vai così! Dopo il tuo matrimonio però vorrei una bomboniera virtuale da mettere nel mio blog, me la manderai?

Se l’idea ti sembra carina, fallo anche tu il presepe gay! …oppure hai timore di uscire allo scoperto….?

Il bue e l’asinello chi rappresentano? Il Partito democraticco e il Partito della Libertà di fronte al problema dell’approvazione delle unioni di fatto?

caro Gianmario, io la penso esattamente come l’altro Angelo..Ventura. Premesso che quel che hai scritto è bellissimo, ma vedrei meglio di non cambiare il fatto storico a modo nostro. Maria e Giuseppe rimangono così com’è, casomai è da evidenziare che Maria è stata fecondata in modo eterologo e che ciò è avvenuto quando Maria e Giuseppe erano una coppia di fatto, fuori dai canoni del matrimonio!!! al posto vostro metterei tante coppie e famiglie intorno a Gesù, pastorelli, pastorelle, coppie gay, lesbiche ed etero, tutte accolte dallo stesso amore. poi dal modo in cui scrivi sempre dubito che sei veramente ateo se credi nell’amore! Credere nella trascendente forza dell’amore che abbraccia tutto e tutti è al massimo da teisti, agnostici, non da “veri atei”, ammesso che esistano. Tanti sinceri Auguri a te e a Riccardo!!!

Gianmarco Gianmarco ti ricordi cosa raccontasti a tui padre?
“- Pa’, oggi ho avuta la mia prima esperienza sessuale.
– Bravo figliolo, siediti e raccontami tutto.
– Non posso sedermi, mi fa male il culo. “

Ciao Angelo, mi fa molto piacere rivedere un tuo contatto! Prima di tutto tanti auguri.

Fondamentalmente starei accorto a parlare di fatti storici, poerché in merito alla figura di Gesuù semplicemente non esistono fonti dirette certe, ma solo alcune indirette. Ti ricordo che i Vangeli sono fonti storiche che ancora non si sa chi le abbia scritte, nè precisamente quando. Sicuramente molto dopo la vita di Gesù.
Questo lo dicono glistessi studiosi di testi sacri, non gli atei.

Inoltre, le rappresentazioni possono essere fatte stravolgendo la realtà nella misura in cui si dice apertamente che è una rappresentazione simbolica.

Mettere delle coppie di pastori gay intorno alla famiglia classica significa lasciare ai tradizionalisti papisti il coltello dalla parte del manico. Io ho voluto stravolgere le “regole” per far capire quanto sianosenza senso.

E infine te lo ripeto: è questo il senso spirituale del mio presepe. Se esistesse un Gesù veramente, quello verrebbe a nascere proprio tra me e Riccardo. Due GIuseppi che siamo! Oltreché è un modo per rappresentare il mio desiderio di avere un figlio.

Quanto all’aterismo, credere nell’amore ed essere atei sono de cose compatibilissime. Anzi. Più passa il tempo più mi sembra incompatibile (ma non impossibile) la fede con il vero amore… sono casi sempre più rari ai tempi di oggi…

Gianmario hai scritto un mare di idiozie; documentati, millantatore e incolto.

ottima idea, trovo giusto che il presepe (per chi ci crede) rappresenti l’attualità (come fanno anche a napoli), e non vedo l’ora di metterla in pratica la notte di natale… e se mamma avrà qualcosa da ridire sul fatto che due giuseppi non possono avere un figlio (considerati i tempi e l’età), basterà rispondere: e la madonna come ha fatto a rimanere vergine? miracolo!

buone (laiche) vacanze

…a Mattè: …mavaffanculo!

Napoli, al di là di quanto si dice, ha una vocazione artistica molto laica e per certi versi irriverente alla stessa religiosità di cui è colma la sua gente! le famose statuine di Moana Pozzi e via dicendo non crearono nessuno scandalo, chissà se quest’anno proprio a Napoli non apparirà in qualche mostra una coppia gay?
caro Gianmario, non stavo giudicando male la vostra intenzione che anzi trovo simpatica e ammirevole! L’importante è come dici tu che c’è amore! personalmente preferisco la versione tradizionale perché non credo lasci ai papisti il coltello dalla parte del manico…anzi! non smetterò mai di ricordare loro che Maria è stata fecondata con l’eterologa e non era sposata 🙂
pensa comunque che il Vangelo non è nemmeno un libro di favole, ha elementi storici certi, in base ad un criterio per così dire..giornalistico! Tuttora se più fonti diverse, dello stesso periodo(decenni successivi), e degli stessi autori(gli apostoli di Gesù o i loro più diretti discepoli), riportano dati che “incrociati” tra loro sono molto simili..è chiaro che ne aumentano molto l’attendibilità.
Tutto ciò pur tra tante imperfezioni umane, come quelle dei secoli successivi, dovute dal papato che ne ha strumentalizzato il contenuto per fini poco nobili.. per non parlare allora dell’attuale giornalismo che riporta notizie false e tendenziose, che si allontanano dalla verità della cronaca invece di avvicinarla??? Secondo te fenomeni da baraccone come Vespa sono giornalisti professionali, o forse non sarebbero mandati via a calci nel sedere in qualsiasi altra tv europea?? se la verità è da cercare anche nelle loro news di regime..sinceramente mi fido molto di più delle verità scritte sui Vangeli che di Vespa e company!
Ed è anche per questo che si pensa ad un nuovo V DAY.. ma questo è un altro discorso, ne riparleremo! BUON NATALE!

sulla fede io caro Gianmario posso dirti la mia esperienza, e
posso solo dire che fede e amore COINCIDONO! Attento a non confondere la fede con la religiosità esteriore che ci hanno inculcato sin dall’infanzia(fatta di dogmi, riti, paramenti). Ma se approfondirai meglio Gesù non ha mai inteso fondare un’altra “religione” in più, ma ha messo in discussione proprio tale ipocrisia di farisei e dottori della legge(e per questo l’hanno inchiodato su una croce) costoro, come tuttora fanno alcune istituzioni umane(vaticano, una a caso..), strumentalizzano la religione per fini di potere. Gesù invece ha solo annunciato l’amore fraterno(agape) che ricapitola a se qualsiasi legge e umana, e ci fa convivere nella ricchezza delle diversità. Vista in quest’ottica la fede in Gesù trascende le religioni umane, e lo stesso ateismo, il credere o il non credere, proprio perché si basa sull’amore di cui parli! Non è castrante, ma liberante.
E’ fede in una forza trascendente alla nostra vita che esiste nell’umanità e che porta nei secoli a ricomporla verso un disegno di fratellanza umana dove nemmeno tu sarai giudicato se un giorno avrai un figlio a cui donare il tuo amore. Ti sembra poco? E in quest’ottica noi forse non lottiamo per i diritti di chi verrà anche dopo di noi? che merito ne avremo? nessuno, tranne che la gioia di aver fatto qualcosa di buono proprio per questa forza trascendente che ci “guida”. che io faccio coincidere con un Dio, altri magari con un processo evolutivo inconscio e così via..il discorso è certo lungo, lo approfondirei di nuovo con camla.. ma intanto ti invito a tenere conto che oggi è ormai in corso il cosiddetto scisma sommerso tra cattolici(fedeli) e istituzioni ufficiali.

La madonna in eccesso, se è ancora disponibile, la prenderei io.
Ciao. Elisabetta

ottima idea 🙂
alcune precisazioni : i radicali non inscenaro niente, fu l’iniziativa di 2 deputati radicali di mettere 2 barbie e 2 kent nel presepe allestito alla camera dei deputati
(brava la Poretti che nonostante le critiche mantenne la sua posizione)
kent con la scritta pacs now
barbie con la scritta anche in italia i matrimoni gay come nella spagna di zapatero
non fu l’anno scorso ma 2 anni fa
e ti ricordo che fino a ieri i vari leader gay dicevano: noi non parliamo di matrimonio… ma di qualcosa di leggero
come i pacs in francia ….

E’ bene sapere queste cose. Non è che ce l’abbia con i radicali, anzi, Certi Diritti è un orgoglio grande per me, tanto per dirne una.

Volevo solo dire che il mio è un presepe fatto col cuore. E forse ho calcato la mano contro che ha avuto comunque questa bella idea.

GM

il tuo presepe fatto con il cuore lo si potrà trovare anche sul sito dei radicali di lecco
a me è piaciuto molto!
ciao:)

Eri molto credente.
Il Cristo, non credo di quelli che si allontanano da una chiesa che non aiuta gli uomini.
Non è necessario che Cristo fosse gay.
E’ importante che Cristo mi ami e mi ha dato di essere gay, come ulteriore ricchezza alla mia umanità.
Si nasce ordinariamente da un cazzo che entra in una fica e nell’eccitazione immette sperma con milioni di spermatozoi. Cos’ accade dappertutto.
Poi cercheremo di capire cosa ci riserva il futuro….
Se non si riesce ad avere figli,
non facciamo gli egoisti,
ci sono tanti figli che aspettano una persona non egoista che sappia dare amore a prescindere se sia padre o madre. E’ inutile farne in provetta, quando ci sono altri che aspettano l’amore di un uomo o donna che sia, ma che sia amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: