Famiglia Fantasma

I no della Corte Costituzionale di New York

Posted on: maggio 9, 2008

Abbiamo già visto alcune delle motivazioni con cui la Corte Suprema dello stato di New York ha in passato negato il matrimonio omosessuale (sancendo l’inefficacia della via giurisdizionale).
Tengo a precisare: sono un convinto sostenitore della via giurisdizionale per ottenere i giusti diritti in Italia. E ho portato molti esempi di come questa strada sia stata proficua in altre nazioni (ad esempio il Canada, o il Massachussets). A breve si avrà il pronunciamento della corte suprema della California sempre su questo tema.

Perciò vale la pena analizzare i casi in cui questa strada ha fallito, perché garanzie al 100% non ve ne sono in nessun caso e per questo è bene aprire bene gli occhi.
Una cosa che mi ha sempre colpito è che nello stato di New York gli omosessuali possono adottare da decenni, perché l’adozione è permessa ai single. In tali condizioni la negazione del diritto al matrimonio sembra un grave controsenso… ma leggete qua.

Praticamente il ragionamento dei giudici è il seguente:

1) gli omosessuali possono avere i figlio solo volontariamente.
2)
quindi si presume che la stabilità del nucleo famigliare omosessuale con figli è assicurata o quanto meno molto forte.
3) un legame famigliare già stabile di per sé non deve essere necessariamente tutelato dalla legge.

Il legislatore, insomma, non sente questa necessità perché il bambino ha già tutte le tutele del caso nella situazione di fatto.
Questo invece non è la regola per un bambino con genitori di sesso diverso. Infatti gli eterosessuali possono procreare in modo non volontario e per questo al bambino è necessario una tutela legale che renda il legame famigliare dei genitori più stabile possibile. Altrimenti si avrebbero troppi figli con famiglie sfasciate.

I punti deboli di una simile tesi sono infiniti. Prima di tutto, più che tra coppie omo e etero bisognerebbe distinguere tra coppie sterili e non. E la Corte Costituzionale dovrebbe dire che le coppie sterili, non potendo procreare involontariamente, non hanno bisogno di tutele matrimoniali per assicurare il massimo bene dei figli. Ma questo concetto è alquanto medievale. E’ una forma mascherata del concetto che il matrimonio ha lo scopo riproduttivo.

Inoltre, sembra essere una tesi incentrata sul diritto del bambino a crescere nel migliore dei modi. Ma allora perché non riconosce tutti i risultati scientifici che dicono che i bambini ricevono un innegabile vantaggio dall’avere entrambi i genitori riconosciuti dalla legge invece che uno solo?

Questa una traduzione del testo che trovate qui in versione originale. Un ringraziamento a Marco Papi per il suo lavoro.
[I]l legislatore può razionalmente decidere che, per il bene dei bambini, è più importante promuovere stabilità, e scoraggiare l’instabilità, nelle coppie di sesso opposto rispetto a quanto lo sarebbe in coppie dello stesso sesso.
I rapporti sessuali eterosessuali hanno una naturale tendenza alla nascita di bambini; i rapporti sessuali omosessuali no. Nonostante il progresso scientifico rimane vero che la gran parte dei bambini nasce da relazioni sessuali tra un uomo e una donna, e il legislatore può ritenere che questa situazione debba continuare. Il legislatore può altresì osservare che le relazioni di coppia siano troppo spesso basate sulla casualità o sulla temporaneità e che un’importante funzione del matrimonio sia creare più stabilità nelle relazioni che portano alla nascita di bambini, concludendo che sia il caso di offrire un incentivo –nella forma del matrimonio e dei vantaggi che esso comporta- alle coppie di sesso opposto che vogliano impegnarsi a costituire una vita comune.
Il legislatore può ritenere che queste considerazioni abbiano valore più che altro nel caso di coppie di sesso opposto, e non tanto nel caso di coppie dello stesso sesso: le coppie dello stesso sesso possono avere figli tramite adozione, inseminazione artificiale o altre prodigiose tecniche, ma non accidentalmente o in conseguenza a atto sessuale; di conseguenza può pensare che le relazioni instabili tra persone di sesso opposto costituiscano un più grave pericolo per i bambini rispetto alle relazioni instabili tra persone dello stesso sesso e perciò che promuovere la stabilità nelle coppie di sesso diverso aiuterà i bambini maggiormente.
Questa è una ragione per cui il legislatore può razionalmente offrire i vantaggi del matrimonio alle sole coppie di sesso opposto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: