Famiglia Fantasma

Lexicon – Presagi di un nuovo olocausto

Posted on: aprile 11, 2008

Il LEXICON è un libro con sottotitolo “Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche” redatto a cura del Pontificio Consiglio per la Famiglia, presieduto dal Card. Alfonso Lopez Trujillo.

Nella sezione “Omosessualità e omofobia” redatta a cura di Tony Anatrella si legge a pagina 696: “L’omosessualità non è soggetto di diritti poiché non ha alcun valore sociale. […essa] resta un intrico psichico che la società non può istituire socialmente…”.

A pagina 689 si legge: “L’omosessualità è contraria al vincolo sociale […] valorizzare una tendenza a scapito delle altre lascia intendere che si potrebbe vivere socialmente in balìa delle pulsioni parziali (omosessualità, voyerismo, esibizionismo, sadomasochismo, travestitismo, transessualismo, pederastia ecc.)”.

Nella sezione “Diritti del bambino, violenza e sfruttamento sessuale” a pagine 220 si legge: “l’abuso sessuale parte dall’educazione dei bambini nelle cosiddette famiglie composte da una coppia omosessuale. Un figlio adottato da una coppia omosessuale o una figlia adottata da una coppia di lesbiche diventa una facile vittima dei loro bisogni sessuali, diretti verso un partner dello stesso sesso”.

Queste parole aberranti si commentano da sole. Così come si commentano da soli coloro che le diffondono. E’ importante però sapere che il Lexicon si chiama così perché si propone di istituire un lessico nel patrimonio culturale italiano, che sia alternativo e antagonista a quello dell’ONU, almeno nel settore dei diritti umani e del concetto di salute.

Inoltre, è anche importante sapere che esso è un libro di formazione praticamente obbligatorio o comunque vivamente consigliato per tutti gli educatori cattolici: insegnanti di religione, catechisti, professori attivisti cattolici ecc…

Giusto per avere un’idea. Anche se alcuni miei lettori dicono che esagero, io non posso non notare una analogia con le idee divulgate dai nazisti. Gli stessi identici concetti – ovviamente in contesti differenti.

Chissà se quegli Ebrei che si lamentano di uno strisciante antisemitismo del nuovo Vaticano Ratzingeriano si rendano conto, un giorno, che una società non può affrancarsi dall’antisemitismo a compartimenti stagni, lasciando viva l’omofobia o il disprezzo per le donne…

Annunci

6 Risposte to "Lexicon – Presagi di un nuovo olocausto"

Non sai nemmeno quanto mi fa rabbia conoscere cose di questo tipo …

Non esageri affatto: sono razzisti, profondamente razzisti e nazisti. Se il loro dio esistesse se li sarebbe portati via da un pezzo, piuttosto che farsi rappresentare da loro! Ma la loro fortuna è proprio che non esiste, e loro stessi ne sono la migliore dimostrazione.
Schifo schifo schifo

Faccio presente che Anatrella, sostenitore con Nicolosi, Aardweg e la Atzori della patologia dell’omosessualità, mesi fa è stato al centro di uno scandalo per una storia di abusi sessuali su alcuni seminaristi: http://www.gaynews.it/view.php?ID=71002 . Da allora l'”Osservatore Romano”, che un tempo ospitava spesso i suoi strali sulle sue pagine, ha fatto calare uno “strano” silenzio su di lui. Mi sorprende l’abbiano “rivalutato”. Ma è giusto sappiate di chi si tratta.

Daniela, ma infatti non è stato affatto rivalutato! ti pare che sono così scemi? razzisti sì ma ingenui no! il lexicon è roba vecchia di qualche anno fa ben prima che scoppiasse lo scandalo. E a proposito mi stupisce che arcigay e movimento glbt non abbiano fatto emergere con più forza questo e altri scandali per rompere il muro di omertà, proprio in questo mesi che si parlava tanto della “doppia vita” di molti preti..

Felipe, il dio immaginato da loro non esiste son d’accordo. ma il Dio che abbiamo pregato nelle veglie contro l’omofobia esiste eccome ed è come un fiume in piena che ancora non si conosce perché c’è la censura dei mass media ma ti assicuro pian piano cresce sempre di più. è il Dio che 2000 anni fa ha affrontato i farisei e i dottori della legge, gli stessi che oggi pretendono di parlare a nome suo. i dottori della legge che lo crocifissero poi vennero spazzati via dalla storia successiva e così avverrà adesso. è il Dio che prima o poi li travolgerà e farà cadere i loro “altari”, certo i tempi nostri non sono quelli dell’eternità, ma il desiderio di libertà e di giustizia alla fine ha avuto sempre il sopravvento sul male. ed io credo in questo Dio. invito a non confondere nuovamente la fede di molti con la violenza talebana di un potere clericale corrotto che non rappresenta affatto Cristo e il suo Vangelo, al massimo può rappresentarne l’anticristo. salutoni!

Frequento mio malgrado l’università Cattolica e durante le lezioni di teologia ( obbligatorie x tutte le facoltà ) i docenti ( in genere preti o frati ) dicono esplicitamente che l’omosessualità è una malattia e citano testi di Nicolosi.

AH, vorrei segnalare che il mio ateneo ha una percentuale elevatissima di ragazzi omosessuali e una modesta cifra di lesbiche.

Noi, in qualità di futuri psicologi o educatori dobbiamo sapere come affrontare questa malattia.

Premetto che sono atea e che questa università non mi è stata imposta dai genitori 🙂 me la sono scelta perchè mi sono iscritta assieme ad un mio amico gay 🙂 e perchè era la più comoda da raggiungere con i mezzi essendo una pendolare.

E poi ai tempi ero ancora eterosessuale 😉
Di certo ho fatto una scelta errata nell’iscrivermi a questo ateneo, la scelta più sbagliata della mia vita. Ma conoscere anche l’altra faccia della medaglia è utile. Bisogna conoscere anche ciò che non si condivide. A breve mi laureo e vaffanculo alla Cattolica!

😉

Cara silvia, torno a ripetertelo, perché forse già avevi accennato a queste cose che acadono nella tua università.
Quando sai che c’è una lezione, portati la videocamera e poi tutto su youtube.
E’ così che si fa. Così cambiano le cose, forse. Bisogna far vedere e sentire, dare prove tangibili e dare un nome a chi è abituato a dire cose false nell’anominato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: