Famiglia Fantasma

Le opinioni, la democrazia e lo stato di diritto. Una video intervista.

Posted on: marzo 26, 2008

Tempo fa ho cercato di stigmatizzare i rischi di un opinionismo aggressivo al quale siamo assuefatti. Le mie parole sono forse poco chiare, perché alcuni hanno capito che a mio avviso le opinioni altrui non sono importanti nel processo democratico. Ribadisco che riconosco alle opinioni ha un loro valore importante: sono ad uno stato intermedio tra il non senso dettato dall’ignoranza e la convivenza civile.

In realtà io volevo dire che non tutto quello che esce dalla bocca delle persone è opinione. E se non sono riuscito a spiegarmi bene a parole mie, ci riesce molto bene questo video/intervista girato per le strade di Messina.
“Cosa ne pensi degli eterosessuali”? Su dieci risposte, solo la metà, o forse anche di meno, sono vere e proprie opinioni. Tanta gente non solo non sa cosa è l’omosessualità, ma non sa nemmeno cosa sia la propria sessualità. Ecco: la parole di questa gente, a mio avviso, non sono opinioni. Sono qualcosa che si avvicina al non senso.

[kml_flashembed movie="http://blip.tv/scripts/flash/showplayer.swf?enablejs=true&feedurl=http%3A%2F%2Fpignetoroma%2Eblip%2Etv%2Frss&file=http%3A%2F%2Fblip%2Etv%2Frss%2Fflash%2F678840&showplayerpath=http%3A%2F%2Fblip%2Etv%2Fscripts%2Fflash%2Fshowplayer%2Eswf" width="300" height="255"/]

L’intervista ha dei tratti ilari, perché quasi tutti rispondono come se la domanda vertisse sull’omosessualità.

Altro discorso, invece, è quello che alcune opinioni fanno letteralmente rabbrividire e sono deprimenti: un razzismo cieco e bieco che a Messina sembra tanto, tanto diffuso.
E per questo torno a ribadire che i nostri diritti non dipendono dalla comprensione che riceviamo dagli altri. Se io mio impegno e “lotto” – insieme a tanti altri – non è per essere accettato, ma per avere diritti.

I diritti provengono dallo stato di diritto. Sembra una tautologia, ma a volte serve quando confondiamo i diritti con la accettazione da parte della società.

Purtroppo, tante persone si lasciano scoraggiare da questa intervista. Confondono i diritti con l’esigenza di una società comprensiva e rispettosa. E’ vero: il nosto obiettivo ultimo è quello di avere una società emancipata dall’omofobia. Ma la prima vera conquista è quella dei diritti. Ottenuti i diritti l’omofobia resta, ma si potrà parlare con molta più efficacia di rispetto sociale, bullismo, pregiudizi da sconfiggere ecc… Sconfiggere i pregiudizi senza avere diritti è una lotta impari che è impossibile vincere.

Perciò guardiamo questo video, quanto meno per capire che non è delle opinioni degli atri che abbiamo bisogno. Ma della nostra. La nostra coscienza di essere cittadini di serie A. Serve solo quella.

I diritti fondamentali vanno esercitati. E’ un dovere sociale a cui anche i cittadini omofobi o ignoranti devono rispondere, a prescindere dalle loro opinioni.

Pensate che sarebbe potuto essarci il movimento femminista se le donne non avessero già avuto il diritto al voto? E perché le donne hanno conquistato il diritto al voto? Grazie alle opinioni della gente? No. Solo grazie allo stato di diritto democratico.

E a questo punto facciamo attenzione. Uno stato di diritto lo si esercita. Per far parte di una democrazia non è sufficiente avere una opinione. Occorre interagire con le istituzioni ed essere cittadini attivi. Non ha senso lamentarsi che non c’è sufficiente democrazia e poi starsene a guardare la TV tutte le sere. E le aggressioni omofobiche (fisiche e mediatiche) non sono tali da pregiudicare l’esercizio della democrazia da parte delle persone omosessuali.

Questo è il senso della democrazia, che non è opiniocrazia.
Se lo capiamo, le opinioni degli altri non ci faranno più il sangue amaro, né ci abbasseranno il morale.
Certe cose dipendono da noi. Da noi e da chi ci vuole bene.
Questo video lo fa capire senza via di scampo.

Annunci

4 Risposte to "Le opinioni, la democrazia e lo stato di diritto. Una video intervista."

quando parli così, mi viene da battere le mani e gridare: “Gian mario for president!!!” Poi apro gli occhi e mi ricordo che la scelta è tra Berlusconi e Veltroni, cioè la stessa merda. Depressione.

Se divento presidente di qualcosa, questo qualcosa distribuirà antidepressivi naturali, palliativi, molto leggeri, ma sopratutto gratuiti per tutti gli omosessuali.

scusa GianMario mi sorge un dubbio: sicuri che questo video è stato girato nel 2008??? Oppure 20 anni fa?? o peggio sono i tristi anni di piombo pasoliniani quando gli omosessuali frequentavano solo i parchi o le stazioni??? non solo per l’ignoranza e il razzismo degli intervistati ma guardate l’abbigliamento, gli occhialoni scuri, i cappottoni classici, le pettinature delle signore, le automobili(ancora da quelle parti girano le vecchie fiat e le renault anni 70???) e in genere la qualità scadente del video. Non vi sembra un po’ strano e artificioso?? Non so, sarò sospettoso io ma a me non colpiscono solo le loro squallide frasi da gente che vive ancora nel medio evo con un livello d’istruzione identico a quello di 30 anni fa ma dal contesto economico VECCHIO. Non so se avete mai visto qualche immagine di quelle città dell’Europa dell’est(Bucarest, Varsavia) oppure più vicine(Tirana, Albania) ma il look che sembra farci fare un tremendo tuffo nel passato, le auto classiche a forma allungata “rettangolare”(e non moderna come quelle che ormai più o meno quasi tutti hanno in Italia) badate che sono un ignorante in queste cose ma le noto subito. Ma di fatto tutti coloro che visitano o guardano in tv queste città ammettono di aver visto molte somiglianze con l’Italia che era qualche decennio prima!
stento a credere che questa sia la Messina di adesso… sono sbalordito non voglio sembrare visioniario ma son troppo curioso di sapere QUANDO gli autori hanno effettivamente girato il “simpatico” video. se due mesi fa o 20 anni fa.
nel primo caso ritengo DOVEROSO prosegua un’inchiesta: sarebbe da diffondere dappertutto il video per mostrare la TRISTE REALTA’ anche nelle televisioni pubbliche e private(Rai, Mediaset e La7 in primis) perché si faccia un tam tam continuo, anche attraverso Queerway e Gaytoday. So che è uno sputtanamento collettivo di tanta gente del sud, ma è inevitabile mostrare la realtà dura e cruda anche a tutti gli altri italiani, perché inizino a VERGOGNARSI di avere gente simile nel proprio Paese.
nel secondo caso sarebbe uno scherzo di cattivo gusto degli autori. A MENO CHE, altra possibilità, i simpatici autori del video non abbiano montato solo le risposte dei più squallidi ignoranti ma hanno tagliato la gran parte di risposte positive e intelligenti. ma sarebbe pur sempre uno SCHERZO di cattivo gusto.

inoltre sono SBALORDITO perché pur conoscendo cosa vuol dire l’ottusità della gente dovrei ammettere che in giro per l’Italia c’è molto di peggio.
esistono enormi sacche di omofobia nel Sud ma un Sicilia ho avuto e ho amici(anche etero) che mi informano di una situazione leggermente diversa: almeno molto più a chiazze in particolare nelle grandi città dove al contrario vi sono notevoli aperture all’omosessualità.
Ora la gente del sud è davvero così ottusa in particolare i più giovani??? esiste Catania che ha un alto grado di tolleranza per i gay dove ogni anno avviene il Pride, organizza perfino i festival d’arte su mediterraneo e omosessualità(patrocinati da un comune a giunta di centro-destra) è piena di locali e luoghi di ritrovo..idem Palermo dove vi sono anche tante strutture dell’Agedo e di volontariato Arcigay(anzi Palermo ne è stata la prima storica sede)..per non parlare di Taormina, delle tante spiagge frequentate..e poi in Sicilia vi è uno dei pochi sindaci apertamente gay in Italia, Rosario Crocetta di Gela(Caltanisetta) attivissimo contro le mafie. E Messina con 400mila abitanti si comporta così???
Mi dispiace davvero perché se davvero si avesse conferma che quelle immagini sono del 2008 e non del 78 o dell’88 sarebbe tristissimo non solo per gli omosex ma per gli stessi messinesi che in tal modo acquisiscono una fama bruttissima in tutta Italia. Una brutta figura per loro! e da ciò molti trarrebbero tristi conseguenze sul come mai da loro spopolano talmente tanto la mafia, il racket ed altre belle cosine… 😦 mi spiace davvero per i miei AMICI siciliani 😦

invito x favore GianMario, perlomeno per curiosità mia e di tutti, ad indagare più a fondo! oppure a dirmi come si fa, sarei curioso di farlo personalmente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: