Famiglia Fantasma

La storia di Maria Antonietta Binetta e Re Valter Sedicesimo

Posted on: febbraio 14, 2008

Ieri notte non riuscivo a dormire. Avevo fatto uno strano incubo molto complicato, in cui mi ammalavo di indigestione di mortadella avariata a causa della quale avevo perso un treno importante.

Una volta alzatomi, sapevo cosa fare: camomilla e poi sdraiato sul divano, a fare zapping. Ovviamente non c’era niente che attirasse la mia attenzione, e così, canale dopo canale, ero sempre più assopito… finché non finii col farmi catturare dalla fotografia barocca di un film storico. Forse era “Maria Antonietta” della Coppola, ma i fumi dei miei sogni lo hanno trasformato in qualcosa di fantapolitico.

Prima del cilicioLa bella Kirsten Dunst si era trasformata (povera lei) niente poco di meno che nella Binetti: vecchia, brutta, con quegli occhi a spillo che fanno paura anche a Quentin Tarantino!
Il re era un bamboccione pupazzo mezzo in mano a lei, mezzo in mano al Cardinale Richelieux. Manco a dirlo, era tutto uguale a Veltroni, solo ancor più grasso di quanto non è già lui.

Ad un certo punto, nel bel mezzo della colazione reale, irrompe nell’indifferenza generale una folla silenziosa ma inferocita. Avanzavano lenti ma inesorabili, quasi invisibili. Eppure stavano invadendo il palazzo, distruggendo ogni cosa su cui passavano.
 Erano donne e uomini, coppie di donne, coppie di uomini, coppie di uomini e donne. Solo queste ultime avevano in mano un neonato. Gli altri, le coppie dello stesso sesso, e qualche coppia dona-uomo avevano in mano un bambolotto di plastica oppure una pagnotta da un chilo.

quarto_stato_cont.jpgDisgustata dall’odore della gente normale, e del pane, che lei considerava un prodotto contro natura, Maria Antonietta Binetta chiede al suo re “Ma cosa vogliono questi? Non dovrebbero essere tutti al Family Day? “
 Re Valter Sedicesimo, con tutto il viso sporco di panna montata fino alle guance gli rispose “Sua maestà, queste persone sono qui perché non hanno il matrimonio”.
E lei rispose: “Se il matrimonio è finito, allora dategli il Cus Cus”.
Re Valter Sedicesimo continuò: “Mia adorata regina. Questa gente è qui anche perché vogliono figli.” E Maria Antonietta Binetta rispose “Se sono finiti pure i figli, che si comprino un bambolotto. Oppure un barboncino! Ma insomma, cosa vogliono questi: ce l’hanno il pane? E allora, di cosa si lamentano?”. Parlava con la bocca piena di brioche che le impastavano una dentiera tutta d’oro.

Dopo il cilicioNell’udire questo, la folla sollevò le braccia, innalzando chi i propri figli, chi i bambolotti, chi le pagnotte… … …

A questo punto cercai di riprendermi. Era un sogno? Stavo sognando ad occhi aperti? Mi alzai, andai un attimo in bagno, e poi tornai. Non so quanto tempo fosse passato, ma intanto… … …

Intanto c’era in primo piano la testa sanguinante di Re Valter Sedicesimo decapitato. E poi una ghigliottina, pronta decapitare Maria Antonietta Binetta, vestita per l’occasione da suora regina in pompa magna.
Si inginocchiò, ma prima di porgere il collo alla lama che non perdona, si alzò la gonna, mostrando a tutti la sua coscia avvizzita. Estrasse il cilicio dalla carne, chiodo dopo chiodo e se lo avvicinò alla bocca, usandolo a mò di stuzzicadenti. Poi guardò il boia e, come per scusarsi sospirò: “Sa com’è, mi era rimasto un pezzo di Brioche tra i denti”
E fu così che Maria Antonietta Binetta morì, uccisa da quella folla di persone di cittadini e di anime che aveva affamato, usato, sfruttato.

—————————————————————————-

Questa mattina sono uscito di casa, e ho incontrato lungo la strada, la stessa folla che avevo visto nel film.
Poi ho visto i bambolotti: erano nei negozi di giocattoli.
Ho visto anche tante pagnotte: non in grembo alle persone, ma nei panifici.

E mi sono fermato ad immaginare quella gente, donne e uomini, donne e donne, uomini e uomini, ed io insieme a loro… mi sono fermato ad imaginare molti di noi con in braccio un bambino.

Annunci

2 Risposte to "La storia di Maria Antonietta Binetta e Re Valter Sedicesimo"

Gianma’ attento alla mortadella! 😉

Ma non era un incubo, era il loro prezzo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: