Famiglia Fantasma

Solidarietà omosessuale alla comunità Ebraica

Posted on: febbraio 8, 2008

Carissimi concittadini della Comunità Ebraica,
leggo dalle pagine del Corriere On Line che alcuni blog hanno pubblicato una lista nera di professori ebrei accusati di fare lobby.
Mi unisco alla vostra riprovazione, come è ovvio. E ne approfitto per sottolineare quanto la vostra condizione è molto simile a quella degli omosessuali.
Per l’ennesimo anno, in Italia si è celebrata la giornata della memoria smemorata, in cui viene ricordato l’olocausto in modo quasi esclusivo degli ebrei. A dire il vero da qualche tempo c’è stata l’apertura “political correct” di ricordare anche i portatori di handicap e qualche rom. Ma gli omosessuali, non sia mai! Danno fastidio ai politici italiani, al Papa e un po’ anche ai vostri rappresentanti, diciamocelo – anche se Israele riconosce le unioni omosessuali.
Perciò, ogni anno anche a causa del vostro silenzio ci si scorda degli omosessuali morti e torturati nei campi di concentamento. Quegli omosessuali che non vi potevano parlare, perché non erano degni di “infettare” nemmeno voi Ebrei, figuratevi.

Lo ripeto: il mio sdegno è in totale sintonia con il vostro. Non lo dico tanto per dire, non è per formalità. Questa lista nera preoccupa anche me. Mi preoccupa perché sono gay, e vengo messo automaticamente in liste nere che nessuno vede.

Ma mi preoccupa perché vi vedo seguire una strategia autodistruttiva.
Certi vostri silenzi si accomodano troppo pericolosamente al fianco di chi non vuole ricordare gli omosessuali. E se l’Italia oggi ama dimenticare i gay, chi vi assicura che da un giorno all’altro non inizi a dimenticare anche gli ebrei?
Finché i vostri capi continueranno a dire che i matrimoni omosessuali sono contronatura, cosa vi aspettate, che in Italia la gente dica “Viva gli ebrei, brava gente?”. No. L’effetto di certe affermazioni, anche se vi fa stringere una alleanza con i poteri forti, genera tra la gente un diffuso sentimento di indifferenza, un habitat in cui l’antisemitismo si diffonde come la peste. Ascoltando certe vostre parole la gente pensa che gli ebrei non danno solidarietà (pregiudizio falso), e quindi pochi sono inclini a darvela gratuitamente.
Gli italiani ci fanno caso: siete circondati di tanta solidarietà “interessata”. Questo non vi preoccupa tanto quanto le liste nere di un blogger? Non capite che è proprio per questo che la gente comune vi lascia “soli” contro gli antisemiti?

E’ strano, ma sembra che ci teniate a distinguervi da quelli che hanno subito e subiscono la vostra sorte o una sorte simile. Se non capite da soli che è una politica autodistruttiva, non posso farci niente. Se non vi rendete conto che le parole che usa il Papa nei confronti degli omosessuali sono le stesse che Hitler e i suoi bastardi scagnozzi usavano nei vostri confronti nella liberalissima Berlino di qualche decennio fa, non posso farvelo capire io. Se pensate che stia manipolando un certo sentimento, fatevi un giro in qualche sito di Forza Nuova. E poi ditemi: non ci trattano come eravate trattati voi un tempo, circa 10 anni prima dei lager e dei forni crematori?
Voi credete forse che l’antisemitismo si sconfigge alleandovi con i razzisti trasformisti, con quella chiesa un tempo alleata di Hitler e che poi ha aiutato tanti nazisti a fuggire. Fate vobis.

E infine, aguzzate la vista. Alla Sapienza ormai vengono messi all’indice i professori laici dai parlamentari e quelli ebrei da qualche antisemita vigliacco. Questa cosa non vi dice niente? Non trovate, davvero, una connessione?
Forse, i poteri forti vostri amici faranno scovare il blog (lo spero) e puniranno i colepvoli (me lo auguro). Ma non sarà un passo avanti contro l’antisemitismo. Perché siete voi che state remando contro voi stessi. Per come avete tessuto le vostre alleanze con i cosiddetti poteri forti e reazionri italiani, nulla vi garantisce che un giorno proprio i vostri alleati vi voltino le spalle.

Se qualcuno di voi intende quello che sto dicendo, su FamigliaFantasma avete trovato un nuovo amico. Leale. Sincero. Schietto. Ma molto, molto generoso e solidale.

Perché ne sono convinto, così come io sono fiero di essere italiano e fiero di essere gay, la stessa cosa accade per tanti ebrei ed ebree fieri di essere omosessuali e transessuali. E vedrete che l’Italia può essere uno stato che lascia alle spalle l’antisemitismo, proprio insieme all’omofobia.

E chissà che una vera lobby gay, un giorno prossimo venturo, non nasca proprio alleandosi con gli ebrei LGBT in italia, magari quelli più coraggiosi di Dolce e Gabbana…

Con tutto il mio rispetto e la mia solidarietà.

FamigliaFantasma, alias Gian Mario Felicetti

Annunci

5 Risposte to "Solidarietà omosessuale alla comunità Ebraica"

se ti fai illusioni sugli ebrei italiani, si vede che non ne conosci poi tanti… io ho un intero ramo della mia famiglia che è ebraico.
Dal punto di vista socio-politico, parlare con un ebreo ortodosso è inquietante quanto parlare con un cattolicista. L’eccezione è Gad Lerner… ma la regola è Riccardo Pacifici.

Ho letto ora il tuo post su Gaytoday.
A questo punto, ormai aspettiamo l’insediamnto del governo Berlusconi, poi potremo cominciae qualunque azione di protesta contro un governo nemico a 360°.
La regola è semplice: se non si possono fare azioni di massa, bastano azioni di pochi, purché ad alto impatto.
Come giustamente ricordavi, relativamente poche suffraggette si facevano arrestare.
Ma era proprio il fatto di subire arresti palesemente iniqui che attirava l’attenzione e la simpatia del paese sulle loro persone, e sulla loro causa.
Io sono pronto a farmi arrestare. Sono convinto che se non si può vivere con dignità è meglio morire, ma ad uccidermi deve essere lo Stato italiano, o i cristianisti. Non commetterò l’errore di Alfredo Ormando, che si è tolto di torno.
Noi dobbiamo essere sempre lì, pronti a dar fastidio, come facevano i Radicali.
Bastano dieci persone, purché disposte ad andare DAVVERO fino in fondo. Ad uscire sui giornali di tutto il mondo. A diventare “un caso”. A subire galera e umiliazioni pubbliche, a rischiare assalti e pestaggi da parte di fascisti e cristianisti.
Ogni assalto diventerà un punto a nostro favore, se la comunità saprà difenderci. E se non saprà farlo oggi, ricorderà il nostro esempio domani.

non sarebbe il caso invece di fare proteste a giro si impari a camminare un pò con le proprie gambe… troppi cortei poche cose concrete…

Lorenzo Non sono d’accordo con te sulle comunità Ebraiche. giustamente parli degli ebrei ortodossi, ma saprai bene che sono un’esigua minoranza! la stragrande maggioranza sono sempre stati su posizioni moderate, basti pensare l’appoggio ai gay pride, e progressiste, come una sinagoga milanese dove la donna rabbino che la presiede si è detta disponibile anche a celebrare matrimoni gay secondo il suo rito. E il Riccardo Pacifici non so fino a che punto può essere considerato conservatore, vorrei approfondire meglio il suo punto di vista, ma non mi pare.
x il resto ricordo anche la meravigliosa testimonianza del movimento dei diritti civili dei neri negli USA, guidato dal reverendo Martin Luther King, che con la forza dell’amore non violento è riuscito ad ottenere grandi conquiste. E questo in anni molto più tragici dei nostri! Oggi c’è ancora tanta violenza, ma non come quella, te l’assicuro! E qui mi fermo a concordare con te, perché nonostante tutto siamo in una democrazia solida, malaticcia e piena di difetti sì, ma pur sempre una democrazia occidentale che ha decenni di vita alle spalle, che ci garantisce la piena libertà di manifestare senza nessun ferito! anche le azioni non violente sono molto più praticabili qui che in Afganistan o in Iran, concorderai con me almeno su questo!! E anche a destra nella società civile si trovano tanti sinceri laici e liberali, anche cattolici, disposti a darci una mano se in dialogo con loro, il problema è che questi NON si trovano in Parlamento!!! Non so perché, se ve ne sarete accorti, fino a tutti gli anni 90 c’era una maggioranza laica trasversale..e oggi non c’è più?? Chi trucca in modo squallido le liste dei partiti, ed ora perfino con le liste bloccate?? Chiediamoci questo!! Non ci posso credere che negli anni 70-80 i laici fecero approvare leggi come aborto e divorzio..ed ora una leggina sui CUS o un decreto contro l’omofobia non riesce a passare. fatevi i vostri conti e vi accorgerete che se solo nella futura maggioranza ci fossero una settantina di LAICI eletti nelle liste berlusconiane questi basterebbero a far passare una legge trasversale.

Ciao Lorenzo: sugli Ebrei il senso della mia lettera è chiaro. Ci fosse anche solo un ebreo non fondamentalista, ma liberale… beh, a lui va tutta la mia solidarietà e comprensione.
La mia lettera invita a riflettere proprio gli ebrei fondamentalisti e ortodossi sulle loro strategie antilibertarie e quindi controproducenti alla loro stessa dignità in Italia.

Per quanto riguarda le azioni di pochi ma visibili, se ne può parlare, in modo molto ponderato. Qui si tratta di gestire cose che bruciano: con il fuoco non si scherza e non si improvvisa. Lo si maneggia con cura (mio padre è un ex vigile del fuoco, so cosa significa).

Ecco perché nel post parlo di consulenze psicologiche e psichiatriche (ad esempio una valutazione preventiva del mio stato di salute mentale), consulenze legali.
Riguardo al fatto di andare in galera, i tempi sono cambiati da quelli delle suffragette. E’ una ipotesi, ma estrema. Estrema per me che non ho nulla nella vita se non: l’amore del mio uomo e di quel che resta della mia famiglia di origine, la mia passione e voglia di fare, un lavoro e un anello che mi ha lasciato mia zia. La galera andrebbe ponderata bene. Se vinco al superenalotto, cambia tutto, come puoi ben capire… Oppure se so di poter contare sulla solidarietà concreta di chi condivide i miei stessi obiettivi.

Per quanto ne so, ora è tutto solo a livello di idee. Ma incatenarmi davanti a qualche istituto e restare lì per giorni e giorni non mi dispiacerebbe. Preparando tutto per bene.

Forse vale la pena di farci qualche post. Ne parliamo. Vediamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: