Famiglia Fantasma

Oggi su City (Corriere) – Dai la tua opinione sulla Corte EU e le adozioni lesbiche

Posted on: gennaio 23, 2008

Leggo dal blog “Eccezione”:

La Corte europea per i diritti umani di Strasburgo era stata chiamata a decidere sul ricorso presentato da una insegnante francese lesbica, alla quale era stato negato il permesso di adottare un bambino: una decisione che potrebbe avere delle conseguenze per tutte le coppie lesbiche e gay europee o singole persone omosessuali che intendono ricorrere all’adozione. La donna, Emmanuelle B., 45 anni, e’ una maestra elementare e vive dal 1990 insieme ad una psicologa. Le autorita’ francesi nel 1998 le avevano negato l’adozione per la “mancanza in famiglia di una figura paterna e per l’ambiguita’ del ruolo che dovrebbe eventualmente ricoprire la sua partner”. L’insegnante si era appellata alla Corte Europea per violazione di diritti, sottolineando che attualmente ben 9 paesi europei (Belgio, Gran Bretagna, Danimarca, Germania, Islanda, Olanda, Norvegia, Spagna e Svezia) consentono l’adozione di bambini da parte di coppie omosessuali.Ora la Corte Europea, nella sua sentenza, ha stabilito che il rifiuto di adozione opposto ad una persona in ragione del suo orientamento sessuale costituisce una discriminazione, la quale può essere giustificata solo da “ragioni particolarmente gravi e convincenti”. Nel caso specifico, “tali ragioni non esistono, perchè il diritto francese autorizza l’adozione di un bambino da parte di una persona singola, quindi anche da parte di una persona singola omosessuale”. La sentenza è stata emessa con dieci voti contro sette. La Corte Europea ha anche condannato lo stato francese a pagare 10.000 euro di danni e 14.529 euro per spese processuali.

Solo per oggi su City (Gruppo Corriere) è possibile esprimere la nostra opinione a riguardo. Clicca qui e dì la tua.

Annunci

1 Response to "Oggi su City (Corriere) – Dai la tua opinione sulla Corte EU e le adozioni lesbiche"

E perche` non lo facciamo pure noi italiani aspiranti sposi? Ci vorrebbe qualcuno che abbia intenzione di sposarsi, che abbia cercato di fare le pubblicazioni in comune, e gli sia stato impedito.

A quel punto ci si appella alla corte di Strasburgo e si vede come va a finire.

Hint hint 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: