Famiglia Fantasma

TUTELE LEGALI – LE POLIZZE INTEGRATIVE O VITA

Posted on: novembre 22, 2007

Una polizza vita a doppio senso...Quando si parla di tutele legali forse si tende troppo a cercare soluzioni tra i cavilli, come se le cose dificili e complicate potessero assicurare effetti migliori.
Forse è vero. Ma si corre il rischio di perdere di vista le cose a portatadi mano, e molto efficaci proprio perché semplici.

Proprio mentre, coincidenza vuole, il bellissimo blog The Queer Way pubblica questa notizia sulle assicuarazioni per clienti omosessuali, oggi voglio parlarvi proprio di come è possibile tutlearsi con le polizze assicurative.
Non importa che esse siano polizze vita o previdenziali: hanno sempre un beneficiario in caso morte. E il bello che questo beneficiario può veramente essere una persona qualunque, quindi anche il nostro partner.

Ecco un'altra pubblicità americanaI vantaggi di questa “tutela” (o per meglio dire, garanzia) sono molteplici:
 – la polizza è un contratto tra un privato e una sociatà assicuratrice. Il capitale del premio (in caso morte) non fa parte della quota ereditaria. Quindi, questa nomina non erode in nulla la parte di eredità leggittima o dei legittimari.  
 – la scelta del beneficiario di una polizza non è impugnabile da parte di nessuno. A meno che qualche vostro parente, dopo che siete morti, non voglia divertirsi a dimostrare al giudice che eravate incapaci di intendere e di volere… 
– inoltre, cambiare beneficiario è facilissimo: basta avvisare la propria agenzia con un fax.

E così ho fatto io. Ve lo racconto perché sono orgoglioso di questa cosa, ma anche perché nella realtà nulla è così assolutamente lineare…
Qualche giorno fa ho telefonato alla mia società assicuratrice, ho chiesto informazioni su come cambiare il beneficiario della polizza: mi hanno chiesto di spedire via fa la richiesta, con in più la fotocopia della carta di identità del benficiario!… La cosa non mi tornava: sicuramente si trattava di un eccesso di zelo burocratico totalmente inutile e fuori luogo. 
E così ho manifestato le mie perplessità, chiedendo conferma che la Carta di Identità fosse effettivamente necessaria.
Ho dovuto attendere un giorno per avere la risposta, e come immaginavo mi hanno detto che la Carta di identità era totalmente inutile. Tah-dah!

Ho spedito un fax in cui dichiaravo che l’intestatario della mia polizza è Riccardo, e il gioco è fatto. Anche se morirò senza testamento, il premio maturato con la mia polizza sarà suo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: