Famiglia Fantasma

LETTERA ALLA TRECCANI

Posted on: novembre 18, 2007

Carissimi tutti della Treccani,
ho saputo dai giornali dell’increscioso attacco che vi è stato rivolto da parte di politici della destra, per aver scritto, sotto la voce “Famiglia” della nuova enciclopedia che “il riconoscimento giuridico” e la tutela delle unioni di fatto rispondono, “in uno Stato laico e democratico, a basilari principi di equità sociale”.
Secondo Repubblica, le affermazioni del testo sono sempre circostanziate da prove concrete (indagini demografiche e sociologiche ampiamente consolidate). Ciò nonostante siete stati accusati di essere “strumento di propaganda”  e “genuflessi al laicismo”.

In qualità di vostro cliente (mio padre molti anni fa comprò per me tutta l’opera enciclopedica) voglio confermare tutto il mio sostegno morale al vostro direttore Francesco Casavola.

Non voglio mancare, inoltre, di proporvi questa riflessione: sempre secondo “La Repubblica” Alessandra de Rose (curatrice di questa voce) sostiene che è “lontana e, forse, considerate le condizioni sociali e culturali, neanche opportuna, l’introduzione di istituti “sconvolgenti” come il matrimonio tra gay”.

Questa affermazione mi ferisce fortemente, per vari motivi:
– Prima di tutto per ritenere lontana l’istituzione dei matrimoni anche per persone dello stesso sesso si deve adottare un metro di giudizio alquanto inopportuno: che tiene conto solo degli umori dei nostri politici e non di ciò che è presente nel nostro corpo giuridico, nella dottrina, nella costituzione.
Le ricordo, senza retorica né ironia, che in Italia fanno sposare i morti (quasi), si risposano tutti i cattolici che lo vogliono per non parlare del fatto che i mafiosi pluriomocidi e non pentiti godono della fecondazione assistita. Direi che nello stivale siamo molto avanti nel concetto di famiglia…
– In secondo luogo, considerare sconvolgente una istituzione matrimoniale (così classica e tradizionale) è una posizione alquanto bizzarra e personalissima. Capisco che in Italia qualcuno si senta sconvolto, ma questo accade solo per via di pregiudizi che, in una enciclopedia, dovrebbero essere considerati privi di valore alcuno.

Se non lo sapete, in Italia i matrimoni omosessuali sono già previsti dalla legge, ma solo per i transessuali (leggete sotto in appendice).
E ancora, in Italia ci sono tante le famiglie omosessuali. Non sono famiglie di fatto (perché il fatto sussiste per una non-promessa, non per un non-riconoscimento) ma famiglie tradizionali.
E, per finire, alcune di queste hanno dei figli, che lo stato si ostina a non voler tutelare. Questo sì, lo direi sconvolgente.

Distinti Saluti.
Gian Mario Felicetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: