Famiglia Fantasma

I gay e la baraccopoli del diritto

Posted on: novembre 11, 2007

Ultimamente mi sto molto concentrando su atti pubblici notarili, testamenti e leggi speciali che permettono di gestire in qualche modo i nostri diritti personali.
Sia chiaro: lo faccio esclusivamente per far capire alle persone che è possibile procurasi un po’ di serenità, e non sentirsi in balia delle decisioni altrui.
Ma è limpido e cristallino che questa situazione è assurda e deve cambiare.
Per avere un minimo orientamento sui diritti minimi fondamentali che posso procurarmi, ho dovuto chiedere aiuto a degli avvocati. Alcuni mi hanno chiesto addirittura di pagare qualche centianio di Euro per una consulenza.
Per fortuna potevo aspettare – non ero pressato dalle urgenze – e lungo la strada ho incontrato chi ha voluto aiutarmi a titolo gratuito (un grazie a tutti voi, amici avvocati e avvocatesse).
 
Per un cittadino poter disporre solo con estrema fatica, in ritardo e senza nessuna certezza assoluta delle più basilari necessità di tutela è grave: per avere dei diritti occorre spendere tempo e denaro, barcamenarsi tra mille leggi, leggine e tacchie da mettere sotto i tavoli traballanti – la nostra cittadinanza. Gli omosssuali devono accontentarsi delle baraccopoli del diritto, rubando un pezzo là, una garanzia di qua, mettendole insieme in modo posticcio, sperando che non passi una tempesta a sfasciare tutto. Perché questi diritti privatistici ci tutelano dalla pioggia, anche dal vento forte. Ma se ci dovessimo trovare davanti a qualcosa di veramente brutto, beh, allora nessuno e niente ci darà una tutela sicura ed efficace. Nessuna garanzia, insomma, ma mille tentativi.
E come se non bastassse, questi avanzi di diritto li dobbiamo pagare a prezzo alto. Dal notaio, a botte di centinaia o migliaia di Euro. Mendicanti di spazzatura a caro prezzo, al limite dell’usura pagata in diritti umani.
 
Elemosinare un po' di giustizia e di serenità... nell'indifferenza di tuttiResta il fatto che dal nostro punto di vista, tutelarci è un atto di intelligenza. Addirittura un dovere per quelli che si considerano “militanti”: perché se sei più sereno, sei meno ricattabile, meno debole, più sicuro e sei di esempio.

Un leader non può guidare nessuno se nutre ragionevoli timori che il suo futuro può non essere nelle sue mani. Che leader sarebbe questo? Il leader del vittimismo?
 
Perciò occhio a non restare confusi: è solo per motivi utilitaristici – non di principio – che continuerò a promuovere la consapevolezza del Diritto e l’utilizzo di massa di questi metodi legalistici.

Ma questo discorso va portato avanti dando un calcio alla botte e uno al cerchio. Paradossalmente, più ci tuteliamo, più saremo capaci di assestare colpi potenti a questo sistema giuridico-schiavistico.

Più firmiamo contratti e atti pubblici, più faremo collassare questo sistema medievale dal proprio interno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: