Famiglia Fantasma

IDENTIFICARSI COME GAY E BASTA… NON BASTA: NUOVE IDENTITA’ GLBT CRESCONO

Posted on: novembre 8, 2007

quando mi hanno fatto capire che il mio libro non era bene accetto, mi hanno ferito il cuore...Questa estate mi è capitato di fare, tra le altre, due presentazioni del mio libro presso alcuni locali gay: uno nella riviera adriatica, l’altra in Toscana. Mi sentivo privilegiato: essere invitato in locali estivi gay significava per me poter contattare tante persone, un pubblico adatto ad ascoltare argomenti di potenziale insteresse. Raggiungere un pubblico altrimenti difficilmente raggiungibile.

La realtà è stata un’altra. Forse perché chi organizza gli eventi culturali non è sempre in piena sintonia con chi organizza gli eventi mondani, fatto sta che in entrambi i casi mi è stato riservato un trattamento privo di gentilezza, al limite dell’offesa. Cose del tipo: “Se parli al microfono mi rovini la serata” o “Non voglio annunciare al pubblico la tua presentazione perché non mi riguarda”.

Un atteggiamento oviamente irritante, ma sopratutto inaspettato: davo per scontato che i locali gay accolgano a braccia aperte ogni cosa gay. E per questo addossavo la colpa alle contraddizioni di chi mi aveva invitato. Mi ci è voluto un po’ di tempo per farmene una ragione, ma poi ho capito che – al di là dei modi comunque sbagliati – siamo tutti un po’ succubi di un malinteso vecchio quanto l’ideatità GLBT. Da sempre tutte le associazioni omosessuali (di tutto il mondo) promuovono una aggregazione di massa e priva di caratteristiche: tutti vagamente raggruppati sotto una bandiera troppo generica e poco motivante.

Siamo orgogliosi, ma ci unisce un certo senso di frustrazione... facciamoci unire anche dai nostri obiettivi, dalle nostre ambizioni e dai nostri successi!Ci si individua come Omosessuali&C, ma in realtà ci unisce solo il fatto di essere discriminati. Se non fosse per i torti subiti, non ci sarebbe quasi un bel niente ad accomunarci.

Quando ho capito questo, ho capito anche che alla fin fine potevo anche aspettarmelo di essere trattato in quel modo. Se avessi pensato di andare a presentare il libro al bar sotto casa, non mi sarei aspettato un atteggiamento simile? Il barista mi avrebbe ritenuto causa di noia e quindi un pericolo per il suo business…

Tutto questo per dirvi che sono convinto di questo: c’è bisogno di mettere insieme persone che hanno veramente qualcosa in comune.
I Transessuali, per esempio.
Oppure quelli che offrono servizi, magari sociali, o gestiscono imprese su mercati di nicchia GLBT (magari una camera di commercio GLBT, come esistono all’estero).
O omosessuali che vogliono fare sport senza nascondere la propria sessualità (una realtà spontanea, variegata, efficace e bellissima. Speriamo si mantenga tale!).
E perché no, le persone consapevoli dei propri diritti civili e quelli che hanno una chiara volontà di sposarsi. Come sto cercando di fare con il gruppo di Google.

Raggruppare le persone solo perché gay è inutile. E’ meglio riunirsi sotto una bandiera che ci accomuna per le nostre ambizioni, piuttosto che stare sotto una bandiera che ci accomuna per i torti subiti.

Annunci

2 Risposte to "IDENTIFICARSI COME GAY E BASTA… NON BASTA: NUOVE IDENTITA’ GLBT CRESCONO"

Carissimo,
Siamo in piena sintonia, tranne per qualche dettaglio. Ne ho parlato diverse volte definendo quella glbt come l’ “inesistente comunità”.
Con rinnovata stima, Guido

I torti subiti e le discriminazioni di cui siamo oggetto ci accomunano a tanti altri uomini/donne non solo gay. E allora perchè non essere semplicemente persone tra i tanti “calpestati” e combattere un’unica battaglia per il diritto di tutti di essere se stessi e di vivere una vita degna della condizione umana? L’appartenenza poi ad un gruppo piuttosto che ad un altro dovrebbe essere motivata dall’interesse o, come tu scrivi, dall’obiettivo comune, non necessariamente dall’orientamento sessuale.Considererei fortemente discriminante un gruppo sportivo che si qualificasse “etero” ed accogliesse solo etero.E’ sufficiente la discriminazione subita per motivare la costituzione di gruppi chiusi, solamente gay?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: