Famiglia Fantasma

Una storia vera + l’amministratore di Sostegno

Posted on: ottobre 27, 2007

Ora procediamo con la nostra storia. E vediamo cosa sarebbe potuto cambiare se Ivan fosse stato a conoscenza di una figura Giuridica piuttosto nuova e poco nota: l’Amministratore di Sostegno
Non voglio ancora spiegarvi di cosa si tratta nel dettaglio. Butterò qua e là degli indizi. Per adesso proviamo a capire come sarebbero potute cambiare le cose. Facciamo nostra questa storia, e facciamo nostra la convinzione che quello che crediamo inevitabile, invece, può cambiare. Ciò che cambia per l’amministrazione di sostegno è con doppio asterisco tra parentesi (**) e in corsivo.

———————————————————————————– 

Ivan Dragoni e Gianni delle Foglie si amano e convivono da molti anni.
Nel 1992 sono stati simbolicamente sposati in Piazza Scala da Paolo Hutter.
(*)Ivan e Gianni sono iscritti all’AIDO per la donazione degli organi e hanno redatto un testamento in cui, oltre a disporre dei loro beni – ciò che resta della quota legittima – dichiarano che tipo di funerale desiderano, specificando se vogliono essere cremati e chi dovrà custodire le ceneri.

Una mattina Gianni ha un forte dolore al petto: infarto. Chiamano l’ambulanza e vanno insieme in ospedale. Ma una volta arrivati Ivan non è più l’interlocutore di niente e nessuno. In teoria non ha diritto ad avere nessuna interazione con il paziente.

L'home page su questo argomento(**)Ivan si rivolge subito al giudice per essere nominato amministratore di sostegno di Gianni. Se viene accettata la procedura d’urgenza, occorrerà almeno una settimana prima del pronunciamento del giudice. La decisione del Giudice sarà scontata: poiché Gianni non è sposato con una donna, in qualità di convivente avrà la precedenza sui parenti. 
Inoltre, i parenti sono d’accordo e la sua reputazione di stimato professore universitario e professionista lo fanno stare sicuro.  Nel frattempo, in attesa del pronunciamento del giudice…

Tutto quello che Ivan potrà fare (vederlo, toccarlo, averne cura, essere informato) può farlo solo per “intercessione” dei parenti di Gianni presso la struttura ospedaliera. Tutto questo anche quando c’era da capire la causa di alcune complicazioni (che hanno portato poi alla morte di Gianni) e quando c’era da decidere a quali cure sottoporre Gianni.

Purtroppo Gianni muore dopo cinque giorni. (**)Prima che il giudice possa esprimersi.

(*)Dopo la morte, ogni decisione era già stata presa e definita da Gianni: l’iscrizione all’AIDO ha permesso l’espianto dei suoi organi, mentre il testamento specificava la sua volontà in materia di cerimonia funebre, cremazione e conservazione delle ceneri.

Né durante la malattia, né dopo la morte, Ivan non ha apposto una sola firma su nessuna documentazione.

——————————————————————————— 

Prossimamente vi spiegherò bene cosa è questa figura dell’Amministratore di Sostegno: è poco conosciuta ed è un peccato, perché, seppure limitatamente a questi casi umani, ci dà dei diritti in modo molto semplice e con un dimensionamento morale esplicitamente dichiarato dalla legge.

E’ anche importante sapere che l’amminitratore di sostegno è una nomina non sempre necessaria. E’ una responsabilità “complessa”, prevede una gestione amministrativa ordinaria dei beni del soggetto e a volte vengono fatti dei veri e propri corsi per queste persone. Per questo a volte è meglio limitarsi ad esprimere volontà meno “amministrative” e più umane: poter fare visita, essere informato ecc…

Per adesso possiamo solo dire che nel caso specifico di Gianni e Ivan, rivolgersi al giudice per la nomina dell’amministratore di sostegno non sarebbe servito a nulla. Ma questo possiamo dirlo solo con il senno di poi.
Se le cose fossero andate diversamente, la decisione del Giudice avrebbe allievato non poco il disagio umano procurato dalle strutture ospedaliere.
Ma c’è di più… esiste in verità un’ulteriore tutela che se fosse stata presa preventivamente, avrebbe risolto sin da subito quel periodo di “attesa” del pronunciamento del giudice…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: