Famiglia Fantasma

Stato di non incolumità permanente

Posted on: ottobre 12, 2007

In Italia, quello stato di “non incolumità permanente” che sembrava essere una condizione esclusivamente degli omosessuali, sta dilagando come una pandemia, contagiando tutti i cittadini.
A quanto pare nessuno è più al riparo da questa maledizione. Nessuno: senza distinzione di sesso, età, religione o orientamento sessuale.

Anche gli innocenti, ormai, devono mettersi a fare la guerra, in ItaliaLa vita di tanti italiani inizia ad essere a rischio a causa dell’omofobia diffusa e lasciata allo stato brado. La gente in Italia muore a causa della vergogna dell’omosessualità, anche quando a queste persone piacciono le persone del sesso opposto.
 – I bambini ingoiano ami da pesca perché altrimenti “sei gay”.
 – Ieri un giovane uomo è stato ucciso perché diceva “sei gay” ad un altro: ripetutamente e da molto tempo, davanti a tutti. Per divertirsi.
 – Tempo fa Matteo di Torino si è ucciso per lo stesso motivo. Perché i compagni di scuola si divertivano a dirgli “Tu sei gay”. E gli insegnanti non vedevano. O forse non erano autorizzati dalle istituzioni a vedere.
 – Ad un altro ragazzo siciliano a volte capita di non poter fare pipì nel bagno dei maschi, perché c’è un suo compagno che gli dice “Tu sei gay”.

In Italia la classe politica cerca di reprimere quello che – camminando con il progresso – non è possibile fermare. A palazzo redono che comportarsi come cento anni fa sia “normale”. Al contrario questo comportamento, un tempo socialmente accettato e assimilato, oggi è diventato cieca repressione e le conseguenze sono chiare: l’ignoranza e il senso diffuso di ingiustizia sta causando sempre più morti e gravi menomazioni a tutti gli Italiani.
Tutto questo disprezzo gratuito e stupido per chi non è conforme alla maggioranza non riesce più ad essere gestito. Niente più è sotto controllo ogni volta che qualche sciagurato continua a parlare di famiglia naturale, procreazione naturale, di una famiglia di stato che non esiste.

La follia della discriminazione porta all’autolesionismo annunciato di un intero popolo. Hitler insegna.

Ogni volta che qualche Italiano non omosessuale accadrà qualcosa del genere, lo aggiungerò ai commenti di questo post. E fra sei mesi vedremo – me lo auguro – se mi sono sbagliato.

Annunci

2 Risposte to "Stato di non incolumità permanente"

Ecco la prima segnalazione: se vieni vionetata da un sardo, avrai meno giustizia.
Sottolineiamo che un sardo è un Italiano. Questo a riprova che dove non ci sono diritti civili, non ci sono per nessuno: gay, donne ecc… La stessa cosa sarebbe accaduto se un sardo avesse violentato un altro uomo pensando che fosse gay…

Un esempio accaduto alle Maldive, ma riguarda una italiana: http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/esteri/maldive-violenza/maldive-violenza/maldive-violenza.html
Violentata in uno stato musulmano, in cui lo stupro non esiste.
Questo accade ovunque l’omofobia viene minimizzata, così come il maschilismo. Le due cose, secondo me, sono legate a doppio filo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: